SOCIALMENTE, APERTO IL NUOVO BANDO

È rivolto a enti del Terzo Settore, Onlus ed enti ecclesiastici e religiosi della provincia di Pistoia il nuovo bando Socialmente, con il quale la Fondazione Caript mette a disposizione 570mila euro per progetti che innovino e rafforzino la rete territoriale del welfare, messa a dura prova dalla pandemia.

Per la Fondazione il bando rappresenta uno dei più importanti interventi nell’ambito del sociale e, solo nel 2021, attraverso questa iniziativa sono stati sostenuti 38 progetti, assicurando risorse  determinanti per la loro realizzazione. Tra questi, a titolo di esempio,  il progetto “A forma di casa” della cooperativa sociale Arké, per la sperimentazione di nuove azioni contro l’emergenza abitativa, mettendo in relazione persone in difficoltà, agenzie immobiliari, associazioni di volontariato ed enti pubblici; il progetto di tirocini formativi in carpenteria e orticoltura della cooperativa In Cammino, destinati all’inserimento sociale e lavorativo di giovani a rischio di marginalità e adulti coinvolti in percorsi giudiziari; “RIDOinDANZA”, iniziativa dell’Associazione Gianluca Melani con la quale sono stati avviati laboratori di musica, lezioni di danza e percorsi di ippoterapia per persone diversamente abili; un progetto sperimentale della Fondazione Raggio Verde sulla coabitazione con l’obiettivo di rendere più autonome persone affette di autismo.

Adesso la nuova edizione di “Socialmente” è aperta, con un importante finanziamento, per sostenere progetti che, in particolare, siano dedicati a contrastare la povertà, sia materiale che educativa; per favorire l’autonomia di persone diversamente abili, per pruomuovere iniziative che rafforzino le relazioni tra giovani e anziani. Il bando, comunque, dà possibilità di ricevere contributi su un’ampia gamma di azioni: dalla tutela dell’infanzia alla cura e assistenza degli anziani, dall’inclusione sociale e lavorativa all’integrazione di persone immigrate sino a all’acquisto di strumenti per cure sanitarie e attività diagnostiche.

Nel valutare le domande che saranno presentate, tra i requisiti che verranno previlegiati ci sono quello della co-progettazione degli interventi, dell’aggregazione o comunque collaborazione tra più soggetti attuatori e il carattere innovativo di quanto proposto. Per ogni progetto, salvo motivate eccezioni, il contributo da parte della Fondazione Caript non potrà essere superiore al 70% della spesa complessiva, se si tratta di iniziative realizzate in co-progettazione. In caso di progetti di singoli soggetti, il contributo massimo non supererà il 50% del costo complessivo preventivato.

“Questo bando – sottolinea Paola Bellandi, componente del Cda di Fondazione Caript e referente di Socialmente – oltre a essere una delle iniziative più rilevanti tra quelle che abbiamo in programma per il 2022, riassume bene alcuni degli obiettivi di fondo che orientano la Fondazione nel suo impegno per lo sviluppo del territorio”. 

“Il senso di appartenenza alla comunità è centrale, se pensiamo in termini di progresso per il nostro territorio – spiega Bellandi – e necessita di fiducia e di reciproca solidarietà. Per questo riteniamo prioritario favorire nuove relazioni e reti tra il mondo del volontariato e gli altri attori sociali. Il nostro bando agisce in questa direzione e vuole contribuire al superamento del tradizionale modello di welfare, troppo spesso incentrato su azioni essenzialmente riparative”. 

In questo ambito la Fondazione Caript ha in programma, per il prossimo settembre, anche l’apertura di una nuova edizione di Socialmente Giovani, il bando specificamente dedicato a progetti con giovani a rischio di disidattamento sociale e civile.

Le domande per partecipare a “Socialmente” devono essere presentate entro le ore 12 del 20 giugno 2022. Il testo integrale del bando è pubblicato sul sito www.fondazionecrpt.it, nella sezione “Bandi e contributi”.