RIGENERAZIONE URBANA, CINQUE PROGETTI CON LA FONDAZIONE

Spazi per la didattica e la formazione nel verde del “Bosco in città” e del parco di Monteoliveto a Pistoia; il “Viale dei glicini”, per valorizzare il parco  di Traversagna a Massa e Cozzile; un intervento, nell’ambito del Parco Letterario Policarpo Petrocchi, che porterà a riqualificare nel paese di Cireglio un’area attualmente in stato di degrado.

Sono alcuni dei progetti premiati con l’edizione 2022 di Piccole bellezze,  il bando della Fondazione Caript dedicato al recupero di spazi di interesse pubblico da utilizzare per iniziative sociali, culturali, educative e ricreative.

Agli esiti del bando in totale sono cinque i progetti premiati, cui la Fondazione destina un finanziamento complessivo di 202.440 euro. I temi che ne sono al centro includono la formazione dei giovani, offrire nuovi spazi di aggregazione e di scambio, la vivibilità del verde pubblico e la valorizzazione dell’identità culturale del territorio.

A Viola Mugelli, educatrice degli scout Cngei deceduta nel marzo del 2021 a soli 19 anni per una grave patologia, è dedicato Area Viola, progetto della sezione di Pistoia della Cngei che è nato da un’idea della famiglia della ragazza e al quale viene anche destinato il ricavato di una raccolta fondi. Si tratta di un’area didattica che verrà realizzata a nord del “Bosco in città”, ampio spazio verde a Pistoia dove sarà costruita un’aula all’aperto con copertura contro il maltempo, dotata di servizi da utilizzare per attività educative di scuole di ogni ordine e grado.

Con il progetto Montu Academy, l’associazione Amici di Montuliveto realizzerà un’aula aperta, nel parco di Monteoliveto a Pistoia, dove si potranno svolgere laboratori e attività ludico creative extrascolastiche coinvolgendo scuole, associazioni e gruppi locali che si occupano di formazione. La struttura sarà significativa anche dal punto di vista estetico-architettonico, con pareti verticali traslucide, un sistema di recupero delle acque e un giardino verticale.

Nella frazione di Traversagna, una delle più popolose del comune di Massa e Cozzile, grazie a “Piccole bellezze” il viale di ingresso al parco, molto frequentato, sarà coperto con un pergolato di glicini lungo 20 metri. Il progetto del Viale dei glicini, presentato dall’amministrazione comunale, prevede anche la collocazione di nuovi elementi di verde, l’allestimento di una nuova area fitness e la sistemazione di muretti, attualmente deturpati, realizzandovi opere di street art affidate a studenti dell’istituto comprensivo Bernardo Pasquini.

Nel paese di Cireglio, sulla collina di Pistoia, il contributo della Fondazione aiuta l’associazione Castel di Cireglio a procedere nell’articolato progetto del Parco Letterario intitolato a Policarpo Petrocchi. Il progetto prevede, tra l’altro, la realizzazione di un punto museale, di una foresteria e di una bottega dedicata ai prodotti della montagna, oltre che della sede stessa del Parco. Per questo è necessario l’acquisto di tre immobili, da recuperare assieme alle aree aperte circostanti, con un intervento che coinvolge uno spazio al centro del paese che attualmente si trova in condizione di degrado.

Tra i premiati è anche il progetto presentato dalla parrocchia della Vergine a Pistoia per la rigenerazione del parco della chiesa, un’area da sempre aperta al quartiere e a tutta città che da anni è in stato di abbandono. Si tratta, tra l’altro, di uno spazio adiacente alla Cittadella della Solidarietà della Misericordia e riqualificandolo, dunque, si valorizzerà ulteriormente un luogo caratterizzato dalla presenza di rilevanti servizi e molto frequentato.

“Riconsegnare alla comunità luoghi che si trovano in stato di abbandono o che non sono adeguatamente utilizzabili è lo scopo di questo bando – dichiara il presidente di Fondazione Caript Lorenzo Zogherie, affinché tutti possano pienamente beneficiare di spazi riqualificati e di nuove opportunità per viverli assieme, abbiamo scelto di unire all’aspetto del recupero la progettazione di iniziative per la fruizione”.

“La risposta è stata positiva – sottolinea Zogheri – perché con il bando vogliamo sensibilizzare i cittadini alla cura diretta e alla gestione dei beni comuni e i progetti che abbiamo premiato coinvolgono associazioni, giovani e scuole. Tutti soggetti, cioè, molto rilevanti se si vuole affrontare il tema di una rinnovata consapevolezza e di una rinnovata responsabilità nella valorizzazione dei luoghi pubblici”. 

Gli esiti del bando sono pubblicati qui.