La Mezzadria nel Novecento

Oggi della mezzadria è rimasta un’eredità culturale, paesaggistica ed economica variegata insieme ad una memoria diffusa, a tratti mitizzata e nostalgica.
Per secoli la famiglia mezzadrile insediata sul podere era stata una caratteristica del territorio. Intorno ad essa si era consolidata un’etica del fare ed una cultura materiale.
All’inizio del ‘900 profondi fermenti di rinnovamento ed attivismo iniziarono a percorrere le campagne. Un fenomeno quasi sconosciuto prima di allora, che esplose nel secondo dopoguerra in seguito alle esperienze fatte con la Resistenza e con il nuovo quadro costituzionale nato con la Repubblica, e che si incontrò con uno sviluppo tecnologico senza precedenti. L’esperienza storica dei mezzadri si è così trovata al crocevia tra la modernizzazione dell’agricoltura e la costruzione della democrazia, dando il proprio contributo fino all’esodo dalle campagne.

Il progetto “LA MEZZADRIA NEL NOVECENTO: lavoro, storia, memoria” è realizzato dalla Fondazione Valore Lavoro in collaborazione con la Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia, con la collaborazione del Museo Casa di Zela.
Si tratta di un lavoro di recupero e riordino di materiale documentario e testimonianze orali che ripercorrono la storia del mondo del lavoro della mezzadria in Provincia di Pistoia e che sarà presentato pubblicamente giovedì 22 ottobre alle ore 17 nella Sala Assemblee di Palazzo De’ Rossi a Pistoia.
Saranno presenti Sergio Frosini, Presidente Fondazione Valore Lavoro; Prof. Ivano Paci, Presidente Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia; Stefano Bartolini, curatore progetto; Francesca Perugi, curatrice esposizione; Giovanni Contini, Presidente Associazione Italiana di Storia Orale; Claudio Rosati, International Council of Museums – Italia.

Alle 19 invece seguirà l’inaugurazione della mostra presso le sale espositive della Fondazione Caript a Palazzo Sozzifanti (ingresso vicolo dei Pedoni 1, angolo via Abbi Pazienza): l’esposizione presenta materiale documentario, attrezzi da lavoro e di uso quotidiano del mondo contadino, oltre ad una mostra di pitture dal titolo “Gli artisti pistoiesi e il lavoro dei campi”. 
Per l’occasione sarà offerto un buffet a base di piatti tipici della tradizione contadina pistoiese tratti dal libro di L. Billi “Il sugo della domenica. La memoria del cibo nelle generazioni” accompagnati da vini locali consigliati da Angelo Laino, Fisar – Pistoia.

Mostra “LA MEZZADRIA NEL NOVECENTO: lavoro, storia, memoria
Sale espositive Palazzo Sozzifanti, ingresso vicolo dei Pedoni 1 (angolo via Abbi Pazienza)
22 ottobre – 21 novembre 2015
martedì, mercoledì, giovedì e sabato dalle 9 alle 13
lunedì e venerdì dalle 15 alle 19