Emergenza Covid 19: gli interventi della Fondazione

SALUTE PUBBLICA

Per far fronte all’emergenza Covid-19 e rispondere con efficacia alle richieste dell’ASL Toscana Centro, in data 17 marzo 2020 il Consiglio di Amministrazione della Fondazione Caript ha deliberato di incrementare lo stanziamento per l’emergenza sanitaria, passando dai 500mila euro già previsti a 1 milione di euro.

Ad oggi gli interventi realizzati, che hanno impegnato circa la metà del suddetto stanziamento, sono:

  • acquisto di dispositivi medici e terapeutici destinati all’Ospedale San Jacopo di Pistoia per il potenziamento del reparto di terapia intensiva e l’allestimento di una terapia intensiva pediatrica;
  • allestimento di 20 nuovi posti letto presso alcuni locali dell’ex Convento del Ceppo per le cure intermedie dei pazienti Covid-19;
  • donazione di un apparecchio RX portatile per sospetti pazienti Covid-19 all’Ospedale Santi Cosma e Damiano di Pescia in collaborazione con Asvalt – Associazione Valdinievole per la lotta contro i tumori.

Anche in questo grave momento di emergenza, la Fondazione Caript prosegue nello svolgimento delle sue attività ordinarie nel rispetto delle prescrizioni imposte dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, per poter rispondere tempestivamente ai bisogni del territorio e lanciare a tutti un messaggio di speranza e fiducia.


EDUCAZIONE, ISTRUZIONE E FORMAZIONE

Con l’obiettivo di sostenere le scuole e le famiglie, che in questo complesso periodo di emergenza sanitaria si trovano a dover garantire agli studenti gli strumenti necessari alla messa in atto della didattica a distanza, Fondazione Caript ha stanziato  quasi 300mila euro.

Per sopperire alle carenze di strumenti di comunicazione digitale, infatti, la Fondazione si è messa a disposizione delle scuole per contribuire all’acquisto di strumentazioni e materiali per le attività didattiche, anche in previsione di un’utilizzazione futura.
Le scuole che ne hanno fatto richiesta hanno ricevuto dalla Fondazione le risorse necessarie all’acquisto di  tablet e computer portatili da dare in uso gratuito alle famiglie che ne sono sprovviste.

Un intervento necessariamente tempestivo, che consentirà di gestire al meglio questo delicato momento di emergenza e di difficoltà per gli insegnanti, gli studenti e le famiglie. La Fondazione è a disposizione di tutti gli istituti che, avendone necessità, vorranno presentare le loro richieste.


 SVILUPPO LOCALE E EDILIZIA POPOLARE LOCALE

La situazione emergenziale legata all’epidemia di Covid-19 e ai suoi devastanti effetti sul tessuto economico pistoiese, hanno indotto la Fondazione Caript a partecipare attivamente al corale sforzo di sostegno di quello stesso tessuto, contribuendo fattivamente alla concreta implementazione delle politiche adottate dalle istituzioni.

Nello specifico, il Consiglio d’Amministrazione dell’Ente ha deliberato lo stanziamento di fondi fino a 600mila euro destinati ad attuare la collaborazione con la locale Camera di Commercio di Pistoia per affiancarla nelle sue varie iniziative a favore delle attività economiche del territorio.
Tramite un bando pubblicato dalla stessa Camera di Commercio, gli operatori locali che intendono avere accesso ai nuovi finanziamenti messi a disposizione dai recenti provvedimenti emergenziali potranno vedersi parzialmente rimborsati i costi e le commissioni di garanzia corrisposti ai Confidi e/o altri operatori di cui all’art. 106 TUB.

L’obiettivo della Fondazione è contribuire al superamento della crisi attuale, facilitando l’utilizzo degli esistenti strumenti di sostegno all’economia locale nei tempi più rapidi possibili.

Con lo stanziamento di 600mila euro, una previsione di massima consente di calcolare in 15 milioni di euro la massa di nuovi finanziamenti in tal modo ottenibili dal mercato a condizioni agevolate, mentre la gestione dell’iniziativa attraverso la Camera di Commercio consentirà reale accessibilità e massima pubblicizzazione presso tutti gli interessati.

Leggi qui il comunicato completo.


VOLONTARIATO, FILANTROPIA E BENEFICENZA

La Fondazione ha affiancato le associazioni e gli operatori del settore anche nella situazione emergenziale, sostenendo i loro sforzi a sostegno dei soggetti più svantaggiati.
Nello specifico, ha accolto le richieste di contributo straordinario pervenute da parte delle Caritas diocesane di Pistoia e di Pescia che, nei relativi territori di competenza, si sono trovate a fronteggiare un maggior numero di interventi sociali.

A Pistoia si è infatti registrato, in concomitanza con l’emergere della pandemia, un incremento importante degli accessi alla mensa; sono aumentate le tessere per accedere all’Emporio della Solidarietà; sono aumentate le richieste presso il Centro di ascolto non solo di carattere economico relativo al sostegno per il pagamento di affitti e utenze, ma anche richieste di sostegno psicologico legate alla paura dell’epidemia in corso, alla solitudine o a problematiche familiari derivanti da situazioni di conflittualità. Presso l’Hospitium Don Mansueto Bianchi, ovvero nei nuovi locali del Tempio, sono state accolte 13 persone senza fissa dimora. Inoltre, la Caritas è intervenuta per gestire la difficile situazione di sovraffollamento creatasi in questi anni presso la Parrocchia di Vicofaro per l’accoglienza dei migranti. Per tutte queste situazioni emergenziali la Caritas di Pistoia ha ricevuto un contributo straordinario di 100mila euro.

Anche la Caritas di Pescia ha segnalato la medesima situazione, in particolare un aumento del numero di accessi ai servizi offerti per la distribuzione di beni primari e per tale motivo ha ricevuto  un contributo straordinario di 50mila euro.

La Fondazione ha poi partecipato, insieme alle altre fondazioni di origine bancaria, al Fondo di Acri per le iniziative comuni per il sostegno del terzo settore nell’emergenza Covid.

Infine, la Fondazione ha sostenuto la Lega Italiana Fibrosi Cistina ODV – Pieve a Nievole nel supporto alle famiglie di malati di fibrosi cistica residenti sul territorio della provincia di Pistoia durante il delicato momento dell’emergenza sanitaria.


Per informazioni e richieste:  interventi@fondazionecrpt.it