CONCERTO DI PASQUA DEDICATO A LUCA IOZZELLI

Programma di particolare pregio, mercoledì 13 aprile (ore 21) al Teatro Manzoni di Pistoia nell’ambito della 17^ edizione della Stagione Sinfonica, con il Concerto di Pasqua che vedrà impegnata l’Orchestra Leonore sotto la guida del suo Direttore Musicale Daniele Giorgi, nell’esecuzione di una delle vette, per potenza espressiva e purezza di sentimento, del repertorio musicale di carattere religioso: “Le Sette Ultime Parole del Nostro Redentore in Croce” di Franz Joseph Haydn.

Una serata che acquista, nell’occasione, un valenza assolutamente speciale: per volontà di Associazione Teatrale Pistoiese e Fondazione Caript, in collaborazione con Fondazione Pistoiese Promusica, il concerto è, infatti, dedicato a Luca Iozzelli.

Ampia e profonda è stata la parte che Luca Iozzelli ha assegnato alla musica durante la sua breve, intensa vita. Avendone compreso i molteplici valori di cui essa è portatrice, ed essendosene fatto cultore appassionato, Luca ha cercato, riuscendovi, di introdurne il potere dirompente nei differenti ruoli che ha ricoperto da uomo pubblico quale era. Favorire l’accesso, senza limitazione alcuna, alla conoscenza e all’ascolto, sperimentare la scelta di luoghi e contesti inconsueti, ma sempre ricchi di umanità,  inserire senza tema nei programmi i linguaggi della contemporaneità sono stati alcuni dei caratteri distintivi delle sue fattive e coraggiose incursioni nella promozione della musica.

I frutti del suo lavoro, specialmente nella sua Pistoia, sono incontestabili. Testimoniare nel tempo la riconoscenza a Luca per le tante, importanti iniziative che ha intrapreso è un dovere per chi ne ha condiviso ideazione e percorsi, raccogliendone l’eredità.

Dedicargli, ogni anno, un concerto, con un programma che comprenda almeno alcune delle pagine musicali che più amava, sembra alla Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia, all’Associazione Teatrale Pistoiese e alla Fondazione Pistoiese Promusica un modo affettuoso per ricordarlo e per rimarcare l’impegno a proseguire il cammino sul sentiero tracciato.

“La musica è stata una grande passione di Luca – sottolinea il presidente di Fondazione Caript Lorenzo Zogheri – e la composizione che viene eseguita nel concerto di Pasqua, che gli dedichiamo, è di profondo contenuto ed è tra quelle che più amava. Questo concerto, dunque, è particolarmente appropriato per ricordare un amico che ha dato un importante contributo alla crescita della Fondazione e di tutto il nostro territorio. Peraltro, questa serata certamente non rappresenta l’unico appuntamento che dedicheremo a Luca Iozzelli. Nel 2022 ricorre il trentennale della Fondazione e avremo, anche con iniziative per questo anniversario, altre occasioni di ricordarlo. Come è doveroso fare nei riguardi di chi ha operato con tanta dedizione a favore della Fondazione e della comunità”.

“Il concerto di Pasqua del 13 aprile – commenta il Direttore Daniele Giorgi – sarà una bella occasione per stringersi attorno al ricordo di Luca Iozzelli. Lo faremo senza retorica e con molto sentimento così come si addice a quello che era il suo carattere. Una serata importante rivolta a tutta la città e alle persone che lo ricordano con il più sincero affetto e che gli sono grate per la passione, la competenza e la concretezza che ha profuso con grande generosità per la crescita culturale e sociale della città”.

La composizione “Le Sette Ultime Parole del Nostro Redentore in Croce” nacque nel 1786, su commissione di un canonico di Cadice per essere eseguita nelle celebrazioni del Venerdì santo. Haydn considerava quest’opera fra le sue migliori, tanto che, oltre alla versione originale per orchestra, che ascolteremo in quest’occasione, ne realizzò parecchie altre per diversi organici, proprio per permetterne una maggiore diffusione. Si articola in sette sonate in tempo lento che meditano sulle ultime frasi pronunciate da Cristo sulla croce, precedute da una maestosa introduzione e concluse con un Presto che descrive il terremoto che sconvolse il Calvario, come racconta il Vangelo di Matteo.

Clicca qui per info e biglietti


Fondata nel 2014 da Daniele Giorgi, l’Orchestra Leonore è un ensemble di profilo internazionale (con sede presso l’Associazione Teatrale Pistoiese e fulcro della Stagione Sinfonica pistoiese), formato da musicisti scelti tra le più importanti orchestre europee e tra i migliori ensemble cameristici. Sotto la direzione musicale di Giorgi, l’Orchestra Leonore sta rapidamente estendendo l’attività concertistica, affermandosi per l’originalità delle interpretazioni, l’energia performativa e la grande duttilità stilistica con cui affronta ogni tipo di repertorio.

Musicista fuori dagli schemi e riconosciuto per le sue interpretazioni avvincenti e originali, le infinite sfumature e un dinamico senso della forma musicale, Daniele Giorgi si distingue per un’attitudine personalissima alla direzione d’orchestra. È, inoltre, Responsabile della programmazione artistica delle Stagioni musicali (Sinfonica e Cameristica) dell’Associazione Teatrale Pistoiese, nonché ideatore e Direttore Artistico di Floema, progetto attraverso il quale i musicisti dell’Orchestra Leonore, al fianco di studenti e ensemble strumentali e corali di amatori, creano nuove opportunità di ascolto per i più diversi tipi di pubblico, con una particolare attenzione alle persone in difficoltà, portando la musica anche in luoghi insoliti come ospedali, carceri, istituti per anziani, scuole, con l’intento di delineare un modello di interazione innovativo e sostenibile tra istituzione musicale e società civile.